B.Monkey – Una Donna Da Salvare

B.Monkey – Una Donna Da Salvare
B.Monkey – Una Donna Da Salvare

Michael Radford è quello de Il Postino (pubblicità strombazzatissima sul dvd), il celebre film col Troisi morente, uno di quei titoli che ha assunto un valore trascendentale anche oltre il suo effettivo valore. B.Monkey invece è quello con Asia Argento, tutt'altro campo d'azione. La trama: maestro elementare rimane folgorato dalla bellezza di Asia, avventrice notturna di un pub; così, senza un motivo preciso. Lei però è una fuorilegge, rapinatrice, ladra, frequentatrice di pessime compagnie nonché forse tossica fino a l'altro ieri. L'incontro è magnetico e magico, perché lui vuole la sgnacchera fantastica, lei vuole una vita finalmente normale. I due allora si mettono assieme, ma non è così facile "uscire dal giro". Però l'ammore è ammore....

Lui è un incomprensibile Jared Harris, lei è Asia Argento. Dei due quello inespressivo è lui. Radford gli mette accanto pure Rupert Everett, che stranamente è un sodomita (ma dai?) e Jonathan Rhys Meyers, quello con la faccia da pubblicità di profumi poco eterosessuali (e che nel film infatti....). Everett e Meyers sono la vecchia cricca criminale di Asia, e per quanto ci sia il legame affettivo delle scampagnate dei vecchi tempi a dar fuoco alle macchine e a rapinare le gioiellerie, rappresentano una minaccia per il nuovo amore lindo e pulito col maestrino delle elementari (che ovviamente ascolta musica jazz). L'idea è quella di due mondi opposti che si scontrano, finendo però col compenetrarsi, ma il prezzo da pagare è alto, perché la società è brutta e cattiva, e solo l'amore ci può salvare, meglio se con due emme.

Il film è caruccio dai, e stavolta in larga parte per merito di Asia, che è protagonista indiscussa e fa letteralmente il bello e il cattivo tempo - avrei proprio voluto vedere un'altra al suo posto! - qui ci voleva il magnetismo malsano dell'Argento. Diverse le scene di copula tra i protagonisti, tutte abbastanza caste ma non troppo troppo. E lì si ringrazia sentitamente il regista per la scelta di Asia Argento. B.Monkey sarebbe il nomignolo del suo personaggio, Monkey perché da ladra riesce ad infilarsi praticamente ovunque e B perché si chiama Beatrice, ma d'altra parte è anche vero che al contrario si tratterebbe di Monkey B(usiness), ovvero "affari sporchi".

Trailer ufficiale

Galleria Fotografica