T

Top Gun: Maverick

Trentasei anni dopo il brevetto Top Gun, Pete "Maverick" Mitchell è diventato capitano di vascello, poca carriera, sempre per via della sua nota insubordinazione, imprevedibilità e poca voglia di lasciare gli abitacoli degli aerei (sui quali non potrebbe più volare se salisse di grado). Continua a non essere amato dalle gerarchie, a suo modo è invecchiato, anche se ha il volto tiratissimo di Tom C...[Continua]

Il Traduttore

Secondo film come regista di Massimo Natale, con protagonista Claudia Gerini, sempre molto attiva al cinema e per altro capace di svariare tra generi diversi, decisamente un'attrice versatile. Dalle commedie pestilenziali  a quelle d'autore, dai thriller ai drammoni, dalle satire grottesche agli horror, dai film di impegno civile ai musical, la Gerini si presta veramente a tutto. E mi ha sempre fa...[Continua]

Il Testimone Invisibile

Questa cosa dei remake ci sta sfuggendo di mano. Non solo sono quantitativamente numerosissimi ma la cosa peggiore è che qualitativamente non ci siamo. O meglio, i remake sono la spia di una pigrizia enorme poiché vengono realizzati oramai a strettissimo giro di posta dagli originali (in questo caso appena due anni, il tempo materiale di vedere il film e girare la copia) e con un discostamento del...[Continua]

Looker – Troppo Belle Per Vivere

Looker è la terza regia di Michael Crichton (la quarta se si considera anche l'esordio televisivo con Pursuit del 1972), un completo cambio di registro rispetto al precedente 1855 - La Prima Grande Rapina Al Treno, tuttavia che in qualche misura riprende la atmosfere di Coma Profondo (1978) e rimane coerente ed omogeneo anche con quelle del successivo Runaway (1984). Siamo in pieno thriller con ri...[Continua]

Top Sensation

Curioso che il regista di questo thriller di fine anni '60 sia quello di Che Fine Ha Fatto Totò Baby? (1964), unica altra pellicola diretta in carriera. Si perché Alessi era più uno sceneggiatore che un regista. Film come Il Seduttore (1954) con Sordi, Adulterio All'Italiana (1966), Rag. Arturo De Fanti, Bancario Precario (1980) portano la sua firma. Proprio con Top Sensation rivolge la sua attenz...[Continua]

Il Trasformista

Nel 2002 andai a vedere questo film in una sala cinematografica fiorentina. L'esperienza avrebbe dovuto preconizzare la fortuna che poi (non) arrise alla fatica (anche produttiva) di Barbareschi, la seconda come regista dopo Ardena del 1997. Il cinema era completamente vuoto (per altro un multisala che aveva dedicato a Il Trasformista l'ambiente più piccolo dei cinque disponibili, evidentemente sa...[Continua]

I Tre Giorni Del Condor

Il film di Pollack, che proviene dal romanzo di James Grady con tre giorni in più (I Sei Giorni Del Condor), è considerato il migliore nel cosiddetto genere spionistico cospirativo, uno di quelli dove non ti puoi fidare di nessuno, dei tuoi colleghi, degli amici, di chiunque tu conosca, sei braccato e se ti guardi allo specchio puoi arrivare a mettere in dubbio persino te stesso, tanto è assurda l...[Continua]

Alla 39ª Eclisse

Mike Newell viene genericamente ricordato per commedie come Quattro Matrimoni E Un Funerale, Mona Lisa Smile, per essere stato uno dei registi di Harry Potter (Il Calice Di Fuoco) e per Donnie Brasco, ma pochi forse ricordano il suo esordio con La Maschera Di Ferro (quello con Richard Chamberlain, non Leonardo DI Caprio) e soprattutto il suo film immediatamente successivo, Alla 39ª Eclisse con Cha...[Continua]

Il Tesoro Sommerso

John Sturges, che diverrà poi noto e celebrato per pellicole come Sfida all'O.K. Corral (1957), Sfida Nella Città Morta (1958), I Magnifici Sette (1960), La Grande Fuga (1963), autore anche di un adattamento de Il Vecchio E il Mare di Hemingway (1959), dirige nel '55 questo avventuroso sottomarino, con Jane Russel come prima donna, Lori Nelson come seconda, e due marcantoni dal petto olimpionico c...[Continua]

Tutta Da Scoprire

Tarda commedia sexy, coproduzione italo-spagnola, nonché terz'ultimo film della Cassini, che chiuderà comunque la carriera cinematografica con un filotto col botto, sommando questa pellicola a L'Assistente Sociale Tutto Pepe (1981) e Giovani, Belle... Probabilmente Ricche (1982), rispettivamente di due numi tutelari del genere come Cicero e Tarantini. Qui veste i (pochi) panni di Filomena Stramici...[Continua]

Film Rosso

Sempre nel 1994, dopo Film Bianco esce Film Rosso, che conclude la trilogia dei colori ispirati alla bandiera francese. E' il turno della fraternità, Kieślowski vi si dedica dopo libertà e uguaglianza. Al netto di qualsiasi giudizio estetico o critico-cinematografico, va riconosciuto lo sforzo titanico del regista polacco di costruire una trilogia così gravosa, riguardante quasi l'intero scibile u...[Continua]

Film Bianco

Un anno dopo Film Blu, Krzysztof Kieślowski prosegue la sua esplorazione dei colori della bandiera francese e conseguentemente dei tre valori fondanti della République, libertà, fraternità ed uguaglianza. Stavolta è il turno del bianco e quindi dell'uguaglianza. Ancora una volta, come per Film Blu, il punto di vista del regista polacco non è né politico né militante, quanto piuttosto calato nella ...[Continua]

  • 1
  • 2
  • 7