U

L’Ultimo Aereo Per Venezia

Trasmesso sulla Rai nel 1977, un totale di otto puntate che non vennero però mandate in onda con cadenza settimanale ma raggruppate, due o tre di fila, questo per un preciso intento di "marketing". L'idea soggiacente a questa "cronaca sceneggiata" da Daniele D'Anza e Biagio Proietti era di dare un taglio schiettamente giornalistico e quanto più possibile moderno alla storia che veniva raccontata a...[Continua]

Underwater

William Eubank nel 2011 ha diretto Love, che è un film di fantascienza, mentre nel 2014 ha diretto The Signal, che è un film di fantascienza, a differenza di Underwater che è un film di fantascienza (anche se robustamente innervato di horror). Tutto si può dire tranne che il regista americano non mastichi il genere e non ne sia attratto. Dei tre, il film licenziato dalla 20th Fox (ultimo ad avere ...[Continua]

Agente 007 – L’Uomo Dalla Pistola D’Oro

Nono Bond movie, quarto (ed ultimo) diretto da Guy Hamilton, secondo interpretato da Roger Moore. In tutta sincerità, a me Hamilton come deus ex machina di 007 non è mai piaciuto granché; tolto Goldfinger, i suoi apporti alla saga non sono tra i miei preferiti, la sua regia non mi è mai parsa sconvolgente, di mestiere ma non di grandissima personalità. L'Uomo Dalla Pistola D'Oro - al solito, tratt...[Continua]

Unico Indizio: Una Sciarpa Gialla

Negli ultimi anni di carriera René Clémént dirige questo La Casa Sotto Gli Alberi, che in Italia diventa Unico Indizio: Una Sciarpa Gialla (e per il mercato angolofono The Deadly Trap... per una volta il titolo più anonimo e generico non è il nostro). Nel '71 il film viene proiettato a Cannes anche se non rientra nella competizione ufficiale. Il titolo non riveste un aspetto secondario, è il bigli...[Continua]

La Trilogia Delle Vixen di Russ Meyer

Dal 1968 ed il 1971 Russ Meyer crea e definisce la sua trilogia delle Vixen - letteralmente femmine volpi - con un buon riscontro al botteghino, pilastro fondante e costitutivo dell'immaginario cinematografico meyeriano, un filotto di titoli iconici e fortemente rappresentativi alla sua "Arte" (sempre che siate d'accordo a definirla tale). Inutile dire quanto le pellicole di questo regista (compre...[Continua]

Rain Man – L’Uomo Della Pioggia

Nel 1988 cinematograficamente parlando l'anno fu monopolizzato da Rain Man, a prescindere dagli Oscar vinti, 4 su 8 nomination totali. Uno di quei film "evento" che qualche anno addietro erano molto più frequenti, come accaduto a Titanic o Avatar (incidentalmente ho citato due titoli di James Cameron). Il cinema fast food odierno sforna continuamente hamburger del giorno, che fatalmente il giorno ...[Continua]

Ustica

Renzo Martinelli, docente di regia a Cinecittà, sceneggiatore, produttore cinematografico e televisivo, nonché ovviamente - e come è noto - regista, è abbonato a pellicole controverse, di grosso impegno civile e foriere di polemiche. Non sapevo che con la sua casa di produzione fondata negli anni '70 avesse confezionato videoclip addirittura per Van Halen, Alan Parsons, Rockets (oltre agli italian...[Continua]

Un Uomo A Nudo

Non avevo mai visto questo film americano del '68, mi è passato davanti agli occhi in tv e sono rimasto folgorato. Lo dirige Frank Perry, forse maggiormente noto per essere stato lo zio di Kate Perry che per la sua filmografia, almeno di qua dall'Oceano. L'adattamento cinematografico deriva dal racconto The Swimmer (1964) di John Cheever. Interprete principale (e totalizzante) è Burt Lancaster, ch...[Continua]

Un Uomo, Una Città

Enrico Maria Salerno negli anni '70 fa il commissario a destra e a manca (a Roma ne La Polizia Ringrazia, a Genova ne La Polizia E' Al Servizio Del Cittadino?, a Brescia in La Polizia Sta A Guardare, dover però è questore, di nuovo a Roma in A Tutte Le Auto Della Polizia), aveva il physique du role per incarnare l'amministratore della giustizia, in anni assai difficili per l'Italia. Lo troviamo pu...[Continua]

U Turn – Inversione Di Marcia

Quella pellaccia di Oliver Stone è uno dei miei registi preferiti. Ogni suo film è sempre un gran film a casa mia, non perché sia un capolavoro o non abbia difetti, ma perché Stone è sempre Stone, in qualsiasi sua pellicola c'è la sua zampata, la sua firma, dei lampi di genio, del grande cinema, dei motivi per cui quel film va visto, anche se magari si tratta di una pellicola "minore" tra le altre...[Continua]

L’Ultimo Squalo

Mentre la Universal lavorava al terzo film de Lo Squalo (1975) inventato da Spielberg, e proseguito poi sotto le mani di Jeannot Szwarc (1978), Enzo G. Castellari girò tra gli States e Malta il suo Squalo personale, creando non poche beghe ai colletti bianchi di Hollywood. Successe infatti che il film andò prepotentemente bene, incassando 18 milioni di dollari nel primo mese di programmazione (Lo ...[Continua]

L’Umanoide

Nel 1977 negli Usa e poi worldwide esplose la febbre di Star Wars, in Italia fu Star Crash (Luigi Cozzi, 1978) e poi star trash, con tutta una serie di b-movies che tentarono di cavalcare, sfruttare, "exploitare" l'onda lunga del film di Lucas (con relativi seguiti). Tra questi epigoni freak del più celebrato film di fantascienza (popolare) di tutti i tempi va annoverato sicuramente L'Umanoide di ...[Continua]